FAQ

Quali sono
i legni più duri?

Tutti i legni utilizzati come pavimentazioni, pur avendo caratteristiche fisiche e meccaniche differenti l’uno dall’altro, hanno durezza sempre adeguata allo scopo per il quale sono realizzate e comportamento compatibile alla loro destinazione d’uso. Si potrebbe affermare che legni più duri (come rovere o cabreuva) siano più indicati per luoghi ad alto traffico rispetto a legni tendenzialmente più teneri, come acero o tek.

Ma la differenza di comportamento in genere non è tale da condizionare in maniera univoca la decisione. È soprattutto il colore, il tipo di venatura e la conseguente armonizzazione con lo stile di arredamento ricercato, e la rispondenza al proprio gusto, a dover orientare le scelte. D’altra parte è bene considerare che un pavimento in legno non è un mobile. Tanto meno la carrozzeria di un’automobile.



È fatto per essere calpestato e vissuto con serenità. Conservando traccia dei piccoli o grandi segni del trascorrere del tempo si arricchirà infatti di sempre maggior unicità e fascino. Esattamente come avviene per il volto delle persone. E in fondo è proprio questo patrimonio di memorie a trasformare una semplice superficie in legno nel nostro parquet. Con una straordinaria riserva in più, rispetto a ogni altro pavimento: la possibilità in qualsiasi momento di poterlo riportare a nuovo attraverso un semplice intervento di rilevigatura. Più e più volte.